Most Popular

Press Association cheap fifa coins Sport
FIFA's medical committee chairman Michel D'Hooghe told Press Association cheap fifa coins Sport: "I have put it on the agenda of the ... ...






AMERICA/MESSICO - Preghiera per la pace a Baja California Sur: 900 morti in tre anni

Rated: , 0 Comments
Total hits: 36
Posted on: 11/26/17
Baja California Sur – Pregare per la pace e per le famiglie vittime della violenza: questa l’intenzione che ha riunito ieri sera, 23 novembre, nella parrocchia San Martin di La Paz, almeno un centinaio di sacerdoti, provenienti dai cinque comuni e più di 300 persone, per una celebrazione guidata dal Vescovo della diocesi di La Paz en la Baja California Sur , Mons. Miguel Ángel Alba Díaz.
Durante la celebrazione eucaristica, il Vescovo non ha tenuto l’omelia, ma ha invitato a restare in silenzio mentre su uno schermo venivano proiettate alcune immagini con il numero delle persone uccise negli ultimi tre anni: “2014-2017, vittime della furia della barbarie umana a Baja California Sur, circa 900 uccisi". Nella preghiera dei fedeli si è pregato per le famiglie "vittime della violenza", per coloro che hanno perso la vita in questo contesto, "per tutti gli innocenti che sono morti per la violenza e per i circa 900 morti nella nostra zona”, “perché regni la pace". Alla fine il Vescovo ha invitato tutti i presenti a seguirlo in silenzio per una processione intorno al tempio con le candele accese.
Il motivo principale di questa celebrazione è stato il terribile omicidio del difensore civico statale, Silvestre De la Toba Camacho. Il Vescovo ha detto che non avrebbe rilasciato ulteriori dichiarazioni al riguardo perché la società è stanca di "discorsi sterili" e ha chiesto che il problema venga risolto dalla radice. La notte di lunedì 20 novembre, Silvestre De la Toba Camacho, presidente della Commissione statale per i diritti umani nella Baja California Sur , nel nord-ovest del paese, è stato ucciso da un gruppo di sicari mentre era in strada, al centro della città, insieme alla sua famiglia. Anche il figlio Fernando è morto mentre sua moglie e sua figlia sono rimaste gravemente ferite.
Anche se in passato ci sono stati attacchi contro i difensori dei diritti umani, è la prima volta dalla creazione della figura del difensore civico, nel 1990, che viene assassinato un responsabile istituzionale per la protezione delle garanzie individuali. La Commissione nazionale per i diritti umani ha condannato il crimine e ha ordinato alle autorità di provvedere misure precauzionali per proteggere la famiglia della vittima. Da due anni Baja California Sur subisce un'intensa ondata di violenza a causa della disputa interna tra gruppi criminali per controllare la zona e il cartello di Sinaloa, uno dei più potenti al mondo per il traffico di droga.



>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment
 

Login


Username:
Password:

forgotten password?